Lavori creativi e in forte espansione: il visual merchandiser

5ddab4a0910b4301be3f31bf68f874aeBuongiorno bellezze,
Oggi un post un po’ diverso dal solito che spero possa essere d’aiuto a tutte quelle persone che sono in cerca di un lavoro creativo e coinvolgente

Nell’ambito della moda e del commercio si sente parlare sempre più spesso del visual merchandiser, una nuova figura professionale che solo in parte può essere ricondotta al ruolo del classico “vetrinista”.

Io di Visual ne conosco moltissimi, dato il lavoro che faccio ma nel settore dell’arredamento, invece quello che ho sempre sognato di fare è nel settore Fashion.

Ma cos’è questo sconosciuto?
Il visual merchandising si basa sull’allestimento di ambienti commerciali dotati di appeal e gusto estetico, con l’intento di coinvolgere maggiormente il cliente ed incentivare l’acquisto di prodotti. Le visualizzazioni predisposte con cura dal visual merchandiser conferiscono un valore aggiunto all’esperienza dello shopping, mettendo in risalto qualità peculiari della merce in esposizione e rispondendo alle esigenze dei consumatori, che saranno maggiormente orientati alla scelta del prodotto da acquistare.

Chi volesse indirizzarsi verso questo specifico impiego, deve acquisire le competenze necessarie seguendo i corsi proposti da diversi enti pubblici o privati. Un corso di fashion visual merchandising molto valido è quello proposta dall’Istituto Marangoni, costituito da tre moduli settimanali, frequentando i quali si potranno consolidare conoscenze ed abilità nell’ambito della comunicazione visiva, dell’analisi dei bisogni del consumatore e delle tecniche di allestimento degli spazi espositivi. La formazione professionale è un passo importante per chi vuole intraprendere tale percorso e deve garantire l’acquisizione degli strumenti e delle competenze teoriche e tecniche per poter costruire una carriera di successo.

Chi intende puntare su questo lavoro, oltre a possedere conoscenze tecniche, dovrà distinguersi per una spiccata sensibilità estetica e uno spirito artistico, mentre sarà un vantaggio conoscere le lingue straniere, prima fra tutte l’inglese, per accedere a tirocini o posti di lavoro all’estero, in modo tale da arricchire il curriculum e le esperienze professionali. Passione, aggiornamento costante e approccio propositivo completano il profilo di questa figura, che al momento è piuttosto ricercata anche nel nostro paese.

Il visual merchandiser si può occupare sia di allestimento che di formazione e organizzazione manageriale. Visitando i vari punti vendita di un’azienda, è responsabile per la definizione dell’impatto visivo dei negozi, dell’aspetto estetico delle esposizioni, ma anche di fiere, incontri e convegni. Chi si occupa del settore manageriale dovrà invece gestire il training del personale, occupandosi anche di promozione e marketing. Il settore principe che offre maggiori opportunità è quello della moda, ma le competenze del visual merchandiser possono essere applicate anche nell’ambito dell’arredamento e della cosmetica.
7d91e5e9d6837eb22682a132eec11712

9f9772a209c1615585cf820704c94dd9

54cfa4cc9531452ba1489523788f0641

92e28f5b1b26dcdede141b0f809e9cd7

882c1425f5e7b59e4764c37ccceb4369

11913f48f4a20ed7b9afb8ce875a72a7

ffbe92011f7dd15de775e7294929ab99

Rispondi